• Offerta corsi

    Corsi diversificati per età e grado di apprendimento per un percorso formativo nella ginnastica artistica.

  • Calendario

    Le competizioni di Ginnastica Artistica dell’anno in corso a carattere regionale e nazionale.

  • Chi siamo

    L’Ass. Ginn. Kines fu fondata nel lontano 1977, anno in cui ci fu anche la prima affiliazione alla FGI e il CONI.

  • Pubblicazioni

    Testi sulla preparazione fisica, storie di ginnasti famosi, tecnica, metodologia di assistenza nella ginnastica.

  • Galleria

    Le più belle immagini degli atleti della Kines-Roma

La torcia olimpica in cammino verso Londra

Share 'La torcia olimpica in cammino verso Londra' on Facebook Share 'La torcia olimpica in cammino verso Londra' on Google+ Share 'La torcia olimpica in cammino verso Londra' on Twitter Share 'La torcia olimpica in cammino verso Londra' on Email

La fiamma olimpica è da sempre il simbolo dei Giochi. Ininterrottamente fa bella mostra di se nel braciere per tutta la durata della manifestazione. L’importanza di questo simbolo è evidenziato anche dal “touch relay“, il viaggio che la fiaccola compie dalla Grecia fino a raggiungere la città che ospita ogni 4 anni i Giochi Olimpici.

Per gli antichi greci, il fuoco aveva una connotazione divina. Si credeva infatti che fosse stato rubato agli Dei da Prometeo. Durante i Giochi Olimpici, che onoravano Giove, venivano accesi fuochi nel suo tempio e in quello di sua moglie, Giunone. La moderna fiamma olimpica viene accesa proprio sul luogo dove sorgeva il tempio di Giunone. La fiamma però apparirà ai Giochi olimpici moderni sono nel 1928, con le Olimpiadi di Amsterdam. L’architetto olandese Jan Wils aveva incluso una torre nel suo progetto dello stadio olimpico per la IX Olimpiade, ed ebbe l’idea di tenervi acceso un fuoco.

La torcia per Londra 2012, è stata creata dagli artisti londinesi Edward Barber e Jay Osgerby. Un tubo di alluminio di 80 centimetri a sezione triangolare. Il Comitato Olimpico Internazionale ha reso noto il percorso della torcia olimpica: un itinerario di 12.875 chilometri compiuto da 8.000 tedofori, che percorreranno 300 metri ciascuno. La fiaccola partirà il prossimo 19 maggio dal sud ovest dell’Inghilterra (Land’s End in Cornovaglia), durerà 70 giorni e terminerà il 27 luglio allo Stadio Olimpico di Londra. Fra questi tedofori un reduce dall’Afghanistan privo di tre arti, la centenaria Diana Gould e un bambino di appena 11 anni. La torcia toccherà l’Inghilterra, il Galles, l’Irlanda del Nord e la Scozia tra maggio e luglio.

La fiaccola arriverà dalla Grecia il 18 maggio, dopo essere stata accesa ad Olimpia. La forma triangolare della torcia ha diversi significati: i valori delle Olimpiadi (rispetto, eccellenza ed amicizia), il motto dei Giochi (più veloce, più alto e più forte), il numero della kermesse nel Regno Unito (1908, 1948 e 2012) e i tre obiettivi del Comitato Organizzatore (sport, educazione e cultura).

Le dieci giornate più importanti sono: il 22 maggio a Bristol (sud ovest dell’Inghilterra), il 1° giugno a Liverpool (nord ovest), l’8 a Glasgow (Scozia), il 13 nella capitale Edimburgo (Scozia), nell’Inghilterra ancora il 23 a Manchester, il 24 a Leeds, il 25 a Sheffield e il 30 a Birmingham. Infine il 2 luglio a Leicester e il 27 a Londra.

 

Scritto da Kines

Kines

Nessun commento.

Rispondi

Messaggio